Danza perchè Rubriche

Torna Vittoria Maggio: “Danzo per restare in equilibrio”

A volte capita che siano le cose a venire da te, basta aspettarle…Anche per l'ispirazione può essere così, a volte non ce l'ho e quindi l'aspetto serenamente, so che verrà… 

Essere ispirata in questo lunedì di “lutto” per i recenti fatti di Parigi era però difficile, non volevo e non potevo fare finta di niente…é stata un'amica ad aprirmi la porta dell'ispirazione, invitandomi a vedere la mostra “Equilibrium” del Museo Salvatore Ferragamo.

Che cosa c'entra col nostro Danzaperché e che cosa c'entra con Parigi mi chiedo? Poi penso che a volte io stessa: 

“Danzo per restare in equilibrio”

L’equilibrio é un concetto che trova moltissime declinazioni nelle discipline scientifiche, nell'arte, nell'architettura, nella filosofia, nella psicologia, nella danza. 

Noi ballerini siamo costantemente alla ricerca dell'equilibrio “fisico” da fermi e in movimento, il concetto di  à-plomb per noi é fondamentale e faticosamente conseguito grazie a un gioco di forze contrapposte che noi riusciamo a equilibrare. Vi ricordate per esempio la spirale  delle forze che si attivano nella quinta posizione così ben descritta dalla nostra Lia Courrier nel suo articolo di qualche settimana fa?

Vi ricordate il primo giorno in cui siete riusciti a stare in equilibrio sulle scarpe da punta per più di un nano secondo? Quanto é stato difficile!?

La storia dell'evoluzione dell'uomo inizia quando riesce a stare in equilibrio su due arti, quando abbandona l'andatura a quattro zampe e diventa bipede, lì inizia la sua camminata verso l'evoluzione. Camminando l'uomo ha iniziato le sue conquiste.

Camminare é il risultato dell’equilibrio e del coretto spostamento del peso del corpo sui piedi…i piedi, i nostri preziosi piedi il cui valore il grande stilista Salvatore Ferragamo conosceva talmente bene tanto da chiedersi come si potesse mantenere un naturale equilibrio quando essi vengono racchiusi nelle scarpe.

Ferragamo dedicò molto tempo a studiare l'anatomia del piede in modo da capire come funzionasse l'arco plantare,  come e quanto fosse importante la distribuzione del peso, studiò anatomia e brevettò più di 400 forme, riuscendo a dare equilibrio alle scarpe e quindi al corpo.

La mostra Equilibrium non parla però solo di scarpe, visibile é anche il disegno di una scarpa da punta fatto da lui…analizza il tema dell'equilibrio anche da un punto di vista filosofico. 

I filmati con le interviste a Eleonora Abbagnato e Reinhold Messner, per citarne solo un paio, rivelano la profonda unione fra il concetto fisico di equilibrio e il concetto mentale di equilibrio, la prima nel suo volteggiare sulle punte e il secondo nel suo raggiungimento della vetta alpina. Testimonianze che ci ricordano quanto l’equilibrio sia il fulcro della vita. Nelle parole della moglie di Salvatore Ferragamo “Senza equilibrio la persona sarebbe vuota…L’equilibrio frena gli eccessi”.

E quindi mi arriva alla mente anche Parigi e le legittime discussioni che fervono sui social, sulla stampa, sulle nostre labbra….discussioni che scaturiscono dal profondo dolore e orrore che tutti abbiamo provato.

Credo che l’umanità stia attraversando il cammino più impervio e pericoloso mai intrapreso: una questione di buoni piedi e di difficile equilibrio!

Chi uccide i propri simili, perde l'equilibrio, e si macchia di orribili atti.

Ma la Terra sopravvive perché ha un suo equilibrio, l'uomo sopravvive perché ha un suo equilibrio. E senza equilibrio anche il miglior ballerino del mondo non può che pericolosamente cadere!

Con questo Danzaperchè  che vuole solamente invitare a riflettere, aspetto le vostre email all'indirizzo: dancehallnews1606@gmail.com 

Vi auguro come sempre 

Buona settimana di danza!

Oggi è il 23 Agosto 2019

Archivio

X