Rubriche Setteotto

Lia Courrier: “Poppins… ma cosa c’era in quello zucchero?”
La fine dell'anno è sempre tempo di bilanci.. ma forse quest'anno è meglio evitare!

Eccomi qui a scrivere l’ultimo numero di quest’anno.

Che dire…il fatto di essere qui a farlo mi pare già un evento da segnare negli annali.

La fine dell’anno è sempre tempo di bilanci, di guardarsi indietro e vedere tutto ciò che si è fatt…. uhm, quest’anno forse è meglio evitare, per non abbassare il morale della truppa. Mantenendo il più stretto riserbo su quello che appartiene alla mia vita privata, per quel che riguarda il mio lavoro con la danza è stato solo un continuo e singhiozzante stillicidio. No, stavolta non è proprio il caso di volgere lo sguardo al passato. Lasciamolo lì dove sta, che è meglio.

Ma per fortuna un nuovo anno è alle porte, e con esso un fresco vento di novit…uhm… in realtà alla riapertura delle scuole saremo ancora tutti a dare lezioni on line, appesi con le labbra al prossimo DCPM come un pesce all’amo. Diciamo che per adesso solo bonaccia, forse questo vento di novità arriverà un po’ più in là, con molta probabilità dovremo attendere ancora. Anche guardare al futuro, a questa proiezione astratta in cui rischiamo solo di alimentare aspettative che potrebbero non essere soddisfatte, non è una buona mossa, allo stato attuale.

In questo momento di grande indecisione e incertezza, in cui persino la speranza sembra farsi pallida ed evanescente, il buon vecchio metodo di Mary Poppins funziona sempre: un poco di zucchero e la piccola va giù, un poco di zucchero e tutto brillerà di più.

L’incipit della canzone fa proprio al caso nostro: “In tutto ciò che devi far il lato bello puoi trovar, lo troverai e… hop! Il gioco vien”. Eh…facile!

Lo zucchero è la nostra capacità di stare nel presente, quale esso sia, e trovare il lato luminoso. Mary se ne esce con lezioni di filosofia zen for dummies, insomma, suggerendoci di cambiare il nostro punto di vista quando la situazione è troppo gravosa da sostenere, senza concentrarci solo su ciò che manca, ma guardando a ciò che abbiamo, con mente salda e radicata nell’agire presente.

Bene, adesso mi sento molto più fiduciosa a riguardo. Sono pronta ad affrontare questo 2021, lo accolgo a braccia aperte, mi ci fiondo proprio con un tuffo a bomba, con energia, idee, progetti, entusiasmo e un sorrisone a 33 denti completo di scintilla sul canino, caricata a mille.

Non vedo l’ora!

Poppins….ma cosa c’era in quello zucchero?

Oggi è il 18 Aprile 2021

AIDA CONSIGLIA

Archivio