Musical Rubriche

Dall’Italia al Madagascar, ecco come i governi stanno cercando di aiutare il settore artistico sostenendo attori, musicisti e operatori culturali

Programmi di recupero culturale per un totale di miliardi di dollari sono stati istituiti in tutto il mondo per sostenere teatri, festival e altre istituzioni artistiche contro la rovina economica dovuta alla pandemia.

È il quotidiano britannico The Guardian a riportare le modalità in cui i Paesi di tutto il mondo stanno stanziando finanziamenti per salvare il settore artistico.

Italia
Non servivano solo ad accumulare visualizzazioni e like i video degli italiani in cui si improvvisavano spettacoli musicali spontanei dai balconi nei giorni successivi all’istituzione del lockdown. Il fine principale era contribuire a rafforzare l’importanza del settore culturale in Italia, contribuendo sia al benessere delle persone che all’economia.
«La musica ha rappresentato un modo per superare la paura, la difficoltà e la solitudine – ha dichiarato Domenico Barbuto, direttore generale di AGIS, associazione che rappresenta le aziende del settore dello spettacolo italiano – Ma si trattava anche di ricordare quanto sia culturalmente attivo il nostro Paese.»
Il governo italiano ha preso atto. È stato infatti istituito un fondo di 245 milioni di euro per sostenere compagnie e lavoratori nel mondo delle arti dello spettacolo.
Ma la velocità con cui l’industria ripartirà dipenderà dalla fiducia del pubblico italiano nel tornare. «C’è molto timore riguardo al rilancio e non sappiamo ancora come il pubblico risponderà», ha detto Barbuto.

Germania
Il governo tedesco ha risposto impegnando 1 miliardo di euro – circa la metà del suo consueto budget annuale per la cultura – a un fondo a sostegno di teatri, musei e altre organizzazioni per «riaprire le porte il più presto possibile dopo la pausa forzata», secondo il ministro della cultura Monika Grütters. Proteggere le infrastrutture culturali della Germania «è la chiave per creare opportunità di lavoro per artisti e responsabili creativi in tutto il Paese», ha aggiunto.
Sebbene il fondo appaia generoso per gli standard internazionali, diversi esponenti della cultura hanno dichiarato di non essere all’altezza di ciò che sarà necessario per sostenere un settore che impiega circa 1,7 milioni di persone e genera un fatturato annuo stimato di 170 miliardi di euro. La compagnia aerea nazionale in difficoltà, Lufthansa, riceverà un sostegno statale nove volte superiore (€ 9 miliardi) nonostante la sua decisione di tagliare 22.000 posti di lavoro.

Francia
Il mese scorso, il presidente Emmanuel Macron ha annunciato un aiuto finanziario per il settore artistico, culturale e di intrattenimento della Francia, che ha esteso fino all’agosto 2021 il regime speciale di disoccupazione del Paese per attori, artisti, musicisti e tecnici.
Il regime intermittente del programma degli spettacoli, progettato per proteggere i lavoratori delle arti tra contratti a breve termine, garantisce loro un pagamento mensile a condizione che lavorino almeno 500 ore per un datore di lavoro riconosciuto nell’arco di 12 mesi e aiuta a sostenere un settore che impiega 1,3 milioni di persone attraverso la Francia.
Tra le altre misure, Macron ha anche annunciato uno speciale fondo di sostegno di 7 miliardi di euro per rimborsare spettacoli cancellati e riprese cinematografiche, nonché per sostenere festival e piccole imprese artistiche e ha svelato un sostegno finanziario aggiuntivo di 50 milioni di euro per l’industria musicale.

Canada
Il governo federale in Canada ha risposto a una petizione di 65 importanti istituzioni e organizzazioni artistiche con un fondo di salvataggio di 500 milioni di dollari per cultura, arte e sport per contrastare gli effetti devastanti della crisi. «Abbiamo bisogno che i nostri artisti continuino a farci sognare, soprattutto nei periodi bui», ha affermato il primo ministro, Justin Trudeau.

Nuova Zelanda
Uno dei primi paesi ad emergere dalle fasi iniziali della crisi sanitaria, la Nuova Zelanda ha lanciato un programma da 175 milioni di NZD (oltre 100 milioni di euro) per sostenere i settori dell’arte e della musica, che impiegano circa 90.000 persone e stanno lentamente iniziando a tornare verso la normalità.
«Un settore culturale sano ha molti effetti positivi per altri settori importanti della nostra economia, come la produzione tecnica, l’ospitalità, i luoghi e il turismo interno», ha affermato Jacinda Ardern, primo ministro. Include misure per aiutare 2.000 creativi a trovare un “lavoro sostenibile” e supporta direttamente la musica pop contemporanea, che è stata colpita in modo particolarmente duro.

Madagascar e Sudafrica
In Madagascar, uno dei paesi più poveri del mondo, il ministero della cultura ha fatto ricorso per aiutare gli artisti colpiti dalla crisi distribuendo loro sacchi di riso, mentre in Sudafrica, il paese più sviluppato dell’Africa sub-sahariana, il governo ha stanziati circa 7 milioni di sterline per dare sollievo agli artisti e ad altri lavoratori che lavorano nel settore culturale. Il Paese ha anche lanciato un massiccio pacchetto di sovvenzioni per rilanciare l’economia in crisi, per il quale si qualificano molti artisti o piccole aziende che lavorano nel settore culturale.
Più di 100 intellettuali africani hanno scritto una lettera aperta ai leader del continente in aprile, chiedendo di cogliere l’opportunità della crisi del Covid-19 per ripristinare la “libertà intellettuale e … la capacità di creare” dell’Africa.

Irlanda
In Irlanda, il governo ha proposto un fondo per gli artisti per la “stabilizzazione” di 20 milioni di euro. Ma il fondo, così come il sostegno offerto loro durante la recessione, è stato descritto come “insufficiente” da diversi leader culturali. Angela Dorgan, presidente della National Campaign for the Arts (NCFA), ha avvertito di un “esodo” dalle arti. «Ci sono storie strazianti di persone che lasciano le band e i teatri», ha detto.
Tuttavia, ha aggiunto che molti artisti erano stati salvati qualificandosi per i pagamenti di disoccupazione pandemici e l’NCFA sperava che il finanziamento proposto sarebbe stato realizzato.

Spagna
Il ministro della cultura, José Manuel Rodríguez Uribes, il mese scorso ha presentato un pacchetto da 76 milioni di euro al fine di proteggere quello che ha definito “uno dei settori essenziali del nostro paese”, nonché l’estensione di crediti e finanziamenti specialistici per un valore fino a 780 milioni di euro per aiutare le imprese culturali assediate.

Grecia
Sebbene la Grecia sia riuscita a mantenere basso il numero di casi di coronavirus, i suoi artisti non sono sfuggiti alla devastazione economica avvertita altrove. Circa 2.000 artisti, tra cui attori, musicisti, compositori e burattinai, sono scesi in piazza il mese scorso per protestare contro l’esclusione dal finanziamento statale di emergenza per i dipendenti licenziati.

Oggi è il 24 Settembre 2020

Archivio