News

Venerdì 17 aprile su Rai Play andrà in onda “Mediterranea” di Mauro Bigonzetti con l’étoile Massimo Murru

www.raiplay.it (online per 30 giorni dalla data di pubblicazione)

MEDITERRANEA

Wolfgang Amadeus Mozart, Gyorgy Ligeti, Giovanni P. da Palestrina, e musiche dalle culture del Mediterraneo,

Coreografia di Mauro Bigonzetti, scene e costumi Roberto Tirelli,

Étoile Massimo Murru. Teatro degli Arcimboldi, 2008

Mediterranea. Un balletto che sa di mare, di sole, di colore e di calore.

Il balletto è stato creato nel 1993 da Mauro Bigonzetti, uno dei maggiori coreografi italiani, a lungo direttore dell’Aterballetto, a cui lega il suo nome. Creato inizialmente per il Balletto di Toscana e ripreso successivamente anche dal Teatro Alla Scala, nel 2008, versione che vedremo su rai play, Mediterranea è molto conosciuto anche oltreconfine. La sua ripresa è dovuta, a 25 anni dal suo debutto, nel 2018 a Daniele Cipriani, artefice di un recupero del repertorio italiano della seconda metà del ‘900.

È necessario, per gli spettatori che si approcciano a questo lavoro, fare una precisazione: si tratta di una coreografia che dimostra i suoi anni e che, pertanto, va trattata come un balletto di repertorio.

Mediterranea non è un lavoro narrativo, non racconta una storia, ma lavora sulla memoria, evoca sensazioni: una vera circumnavigazione del Mediterraneo, attraverso la musica delle culture che vi si affacciano e che fanno viaggiare lo spettatore nello spazio e nel tempo. Le musiche sono di estrazione varia, estremamente variegate: ci sono brani di Mozart, Ligeti e Palestrina ma anche pezzi tratti dalla musica popolare dei diversi Paesi che si affacciano sul nostro mare.

L’impianto coreografico è piuttosto regolare, con pezzi d’assieme che si alternano a passi a due, momenti più lirici e altri pervasi da una forte energia, a tratti anche violenta, incursioni rapide e colori, molti colori. Si passa dal verde, al rosso, al bianco, tinte forti, tipiche del carattere dei popoli e dei territori della regione mediterranea, appunto.

Foto: Yves Gallois

Oggi è il 21 Gennaio 2021

AIDA CONSIGLIA

Archivio