News

Si è concluso, il 22 agosto, con una magica notte, il Festiva internazionale della danza e delle danze

Un palcoscenico colmo di arte e di bellezza.

Questa la sintesi del galà finale del Festival internazionale della danza e delle danze, fondato da Paolo Tortelli e Maria Pia Liotta, organizzato da Alta Classe Accademia dello Spettacolo, sotto la direzione artistica di Maria Pia Liotta e con il patrocinio del Comune di Nepi, svoltosi la notte del 22 agosto nell’incantevole cornice del Castello Forte dei Borgia a Nepi.

Ad aprire questa straordinaria notte piena di stelle, è stata l’immensa Carla Fracci che, accompagnata da Alma Manera, ha presentato in anteprima mondiale la nuova creazione ideata dal marito Beppe Menegatti “La morte di un cigno” che la celebre étoile ha impreziosito con i suoi gesti e la sua voce narrante.

Da lì un susseguirsi di momenti che mettono al centro la danza in tutte le sue espressioni: dal Neoclassic Ballet di Sabrina Bosco che regala nuove forme al Bolero di Ravel, fino al tango di Roberta Beccarini con Luca Amerijeiras, l’assolo di Marco Lo Presti, solista della Compagnia Daniele Cipriani Entertainment, e la sensualissima esibizione di standard-latino americani di Samuel Peròn e Gioia Giovanatti.

Tra i momenti più apprezzati dal pubblico anche una emozionante “Fratello Sole, sorella Luna” interpretata da Alma Manera.

La serata, condotta con garbo ed eleganza da Beppe Convertini e Maria Elena Fabi, è stata anche la celebrazione della consegna dello “Schiaccianoci d’oro 2020”, premio alle eccellenze della danza e non solo. Tra loro i giovani Valeria Mattina e Simone Giroletti (che si sono anche esibiti su “Marriage d’amour”) nella categoria “emergenti”, lo stilista Alviero Martini premiato per aver creduto nel connubio danza e moda, le étoile Stefania Di Cosmo, Luciana Savignano ed Elisabetta Armiato e la giornalista d’arte Francesca Barbi Marinetti. Non sono mancati premi a chi la danza aiuta a metterla in scena come il coreografo Micha Van Hoecke e il produttore Christian Francesconi Catena. Premiato anche Samuel Peron per la categoria “la danza e le sue discipline”. Il famoso ballerino televisivo è stato anche autore di un simpatico siparietto in cui ha provato, con scarsi risultati, a impartire una lezione di danza ai conduttori.

Il premio “La danza oltre il confine” è andato invece alla poliedrica Lorella Cuccarini, accolta con grande entusiasmo dalla platea, che ha ricevuto il premio dalle mani del suo primo coreografo televisivo Franco Miseria con il quale ha raccontato alcuni aneddoti dei suoi esordi. Toccante la dedica del premio della Cuccarini che ha rivolto un pensiero a tre persone, oggi scomparse, che le sono state a fianco nella sua carriera di ballerina: Galyn Gorg, il primo ballerino Silvio Oddi e il coreografo Marco Garofalo.

Appuntamento al prossimo anno!

Davide Lavore

Oggi è il 22 Settembre 2020

Archivio