Royal Ballet and Opera: Una Celebrazione dell’Evoluzione Artistica e Educativa

di Susanna Mori
657 views

Il Royal Opera House, un pilastro della cultura britannica, ha abbracciato un cambiamento epocale con il cambio di nome in Royal Ballet and Opera, un segnale chiaro della sua intenzione di abbracciare la totalità delle sue offerte artistiche. Questo spostamento storico è stato accompagnato dall’annuncio della stagione 2024/5, un’emozionante serie di eventi che promettono di continuare a portare avanti l’eredità dell’istituzione.

Il direttore Oliver Mears ha sottolineato l’importanza di questa transizione come una “riaffermazione” dell’impegno della compagnia per la nuova opera, un impegno dimostrato dalla prima mondiale di “Festen” di Mark-Anthony Turnage e dalla presenza di grandi nomi della musica uniti a talenti emergenti.

Integrare il balletto nel nostro nome è stato molto atteso“, ha dichiarato il direttore generale del Royal Ballet and Opera, Alex Beard. “Il Royal Ballet e il Royal Opera si esibiscono sotto lo stesso tetto dal 1947 – e ora entrambe le compagnie godono del rilievo che giustamente meritano”.

Beard ha detto che ricerche condotte sul pubblico hanno mostrato che poche persone sapevano che il Royal Ballet e il Royal Opera erano collegati.

La first chief commercial officer dell’organizzazione, Sophie Wybrew-Bond, ha detto che “essendo chiari nella nostra espressione di ciò che c’è qui, abbiamo una migliore possibilità di mantenere la rilevanza del marchio. I costi di gestione di questo luogo stanno aumentando e i sussidi pubblici stanno diminuendo in termini reali, quindi dobbiamo colmare questo divario.”

Il nuovo nome e la nuova stagione del Royal Ballet and Opera seguono tagli del più del 10% ai finanziamenti dall’Arts Council England per opera e balletto per il periodo 2023-26.

Mears ha detto:

Con la prima mondiale di Festen – una nuova commissione di Mark-Anthony Turnage – riaffermiamo il nostro impegno per la nuova opera; alcuni dei più grandi cantanti del nostro tempo si esibiscono insieme alle voci più stimolanti del futuro. Inoltre i nostri visionari team creativi danno vita a storie indimenticabili con otto nuove produzioni su entrambi i nostri palcoscenici. E, come sempre, la nostra orchestra e il nostro coro di fama mondiale offriranno esattamente il tipo di esperienze intense e ricche che il pubblico desidera. Questa stagione è una dichiarazione di intenti, destinata a catturare l’immaginazione del pubblico e a soddisfare le loro aspettative di esperienze intense e coinvolgenti.”

Parallelamente, il direttore del Royal Ballet, Kevin O’Hare, ha anche accolto coreografi e ballerini del futuro, dicendo che la prossima stagione combina “i favoriti del vasto e ricco repertorio” con “collaboratori ospiti e brillanti talenti emergenti“, sottolineando così la volontà dell’istituzione di abbracciare il nuovo senza trascurare il valore del passato.

La stagione vedrà anche due produzioni che ritornano al Royal Ballet and Opera per celebrare i loro 60 anni: Romeo e Giulietta di Kenneth MacMillan e la versione del 1965 di Onegin di John Cranko.

La trasformazione del Royal Opera House non riguarda solo la produzione artistica, ma anche un impegno rinnovato verso l’educazione e l’inclusività. Il cambio di nome e l’annuncio della nuova stagione guardano anche al 40º anniversario del programma di formazione del Royal Ballet and Opera nel 2025.

Il programma di formazione del Royal Ballet and Opera ha visto una crescente partecipazione, raggiungendo più scuole e coinvolgendo migliaia di studenti e insegnanti. Jillian Barker, direttrice del programma, ha sottolineato l’importanza di questo lavoro in un periodo in cui l’educazione artistica è sotto pressione e ha ribadito l’obiettivo di rendere il balletto e l’opera accessibili a tutti, in particolare alle famiglie e ai giovani provenienti da background sottorappresentati.

In un momento in cui l’educazione artistica nelle scuole è compressa e gli insegnanti specialisti sono in declino, è più importante che mai sforzarsi di raggiungere più bambini e giovani. Stiamo raddoppiando gli sforzi per offrire opportunità di alta qualità a qualsiasi scuola primaria del paese, ispirando i bambini e costruendo la fiducia creativa degli insegnanti e aprendo l’opportunità di scoprire il balletto e l’opera.”

Barker ha aggiunto:

Stiamo lavorando per diversificare giovani ballerini e cantanti. E vogliamo che il Royal Ballet and Opera sia un luogo di avventura creativa, accogliente per tutti, in particolare per le famiglie.”

Nell’ultimo anno, il programma delle scuole è cresciuto da 1.575 scuole a 2.710, lavorando con più di 46.000 studenti e 1.500 insegnanti mentre questa prossima stagione, 11 produzioni saranno in 1.500 cinema in tutto il mondo.

Il secondo gruppo di apertura del Royal Ballet and Opera in collaborazione con Black Lives in Music inizierà anche questo autunno. L’adesione annuale è disponibile per giovani musicisti tra i 18 e i 25 anni provenienti provenienti da background diversi, con l’obiettivo di fornire un supporto e una formazione mirati nella musica, dimostrando così un impegno tangibile verso la diversità e l’inclusione nel settore delle arti dello spettacolo.

Più di 100.000 persone si sono iscritte al programma Young ROH che consente ai giovani di 16-25 anni di acquistare biglietti a £30 per le rappresentazioni infrasettimanali. I posti del Friday Rush vengono anche rilasciati ogni settimana, offrendo biglietti last-minute e a prezzo ridotto. I prezzi dei biglietti variano da £3 al Linbury, £4 per i programmi di balletto sul palcoscenico principale e £8 per le opere, fino a £340 per coloro che desiderano i posti migliori in sala.

L’età media del pubblico di Covent Garden è scesa da 52 a 48 anni negli ultimi cinque anni, ha detto, mentre il pubblico dell’opera tra i 20 e i 29 anni è più che raddoppiato, così come quello del balletto.

In un mondo frammentato in cui gran parte della vita culturale delle persone è mediata digitalmente, noi riuniamo le persone in uno spazio condiviso per riflettere su ciò che conta davvero nella vita, e lo facciamo con una forza senza rivali. Quello che è enormemente incoraggiante è come questo risuona. Non solo con i nostri soci di lunga data, ma anche con la prossima generazione di frequentatori di balletto e opera“, ha detto Beard.

Tuttavia, nonostante questo entusiasmo per il futuro, il Royal Ballet and Opera si confronta con sfide significative, tra cui tagli ai finanziamenti e l’impatto economico della Brexit.

Brexit sta aggiungendo spese e strati di burocrazia, ha detto, ma non ha impedito loro di attirare gli artisti che desiderano. Il regime dei visti è molto molto più difficile se sei un individuo o un’orchestra che si esibisce o fa tournée in Europa, il che danneggia l’ecologia nel suo complesso”, ma ha applaudito l’estensione del regime fiscale teatrale nell’ultimo bilancio – “un enorme aiuto“.

 

Credo che dopo un po’ di tempo in cui le arti non erano al centro dell’attenzione, entrambe le parti stiano apprezzando il valore che possono portare”, ha detto, aggiungendo che sta avendo conversazioni con il Partito Laburista e, se saranno al potere entro la fine dell’anno, non vedrebbe l’ora di lavorare con loro, notando che al lancio dei Creativi Laburisti di marzo “Keir Starmer ha parlato con appassionata autenticità di quanto la musica conti per lui“.

Beard ha detto che spesso gli viene chiesto di citare la sua opera o balletto preferito.

Impossibile, ma posso dirti qual è il mio suono preferito. È quando un gruppo scolastico entra nell’auditorium per la prima volta come parte di una matinée scolastica e si può sentire quel collettivo ‘Aaaah’ – l’inspirazione quando si rendono conto di aver varcato la soglia in questo incredibile portale, e alla fine quando applaudono colmi di gioia. Che si tratti di “Il lago dei cigni” o “Il flauto magico”, sono opere che possono parlare alle persone con una forza straordinaria.”

In un periodo in cui le arti sceniche sono state messe alla prova come mai prima d’ora, il Royal Ballet and Opera si distingue come un faro di creatività, educazione e inclusività. Con il suo nuovo nome e una stagione all’insegna dell’innovazione e dell’eccellenza artistica, l’istituzione continua a ispirare e coinvolgere il suo pubblico, dimostrando che la musica e il ballo hanno il potere di unire, educare e trasformare le vite delle persone.

Articoli Correlati

Lascia un Commento