Rubriche Setteotto

Lia Courrier e i maschi che studiano balletto

Si parla ancora di quanta resistenza ci sia ad accettare che un maschio scelga di studiare balletto. Siamo ormai nel secondo ventennio del nuovo millennio, e ancora siamo costretti a sentire certe assurdità! Bisognerebbe ricordare a chi pensa che danzare sia da femmine, che il genitore del balletto era proprio un maschio, e non uno qualunque, ma il Re di Francia, uno che tra un salto e una piroetta, se ne andava a zonzo sui campi di battaglia…tanto per dire che non siamo figurine bidimensionali, ma possiamo incarnare in noi diverse sfaccettature, che convivono in quella armonia che ci rende ciò che siamo. E poi: femminile e maschile sono presenti in ognuno a prescindere dal genere biologico, quindi di che stiamo parlando, cari signori?

Al di là di questo, però, esiste sempre un altro punto di vista da cui osservare le cose, per questo vorrei parlarvi oggi della piaga che affligge le donne nella danza.

Alle audizioni ci sono sempre centinaia di candidate femmine per qualche decina di maschi, per lo stesso numero di posti: in pratica, per aumentare le tue chance di successo puoi decidere se lasciare una buccia di banana sui gradini di ingresso, oppure metterti un calzino nelle mutande e attaccarti dei baffi posticci sotto al naso.

Una donna deve avere tecnica impeccabile, e non solo nel balletto, ma anche nel contemporaneo, flamenco, balli di sala, taglio e cucito, macramè e nouvelle cuisine. Una donna deve avere un fisico perfetto, non troppo alta, non troppo bassa, magra, muscolosa, flessibile e anche un bel viso, proporzioni che incarnano la sezione aurea, ovviamente bei piedi, belle mani, bei denti, bella pelle.

Ci manca poco che ti facciano un’ecografia agli organi per saggiarne le qualità…

Nonostante questo svantaggio numerico, che fa salire alle stelle la competizione, con che ideona se ne vengono fuori alcune formazioni professionali? Che i maschi non pagano le lezioni. Beh, comprendo bene che la loro presenza sia preziosa, non solo per esempio per fare passo a due, ma anche perché l’energia maschile bilancia quella del gineceo, però mettetevi anche nei panni di queste povere donzelle, che sono una miriade, e che devono faticare il doppio per emergere dalla massa, per farsi notare, e che per di più dovranno pagare interamente la propria formazione, perché… se esiste una borsa di studio, indovinate a chi andrà?

Forza maschi, aiutateci a raggiungere pari opportunità: venite a danzare numerosi!

Oggi è il 26 Febbraio 2021

AIDA CONSIGLIA

Archivio