Playbill focus Rubriche

Hollywood e Broadway, un amore che torna a far scintille sullo schermo

I teatri potranno anche essere chiusi, ma le piattaforme streaming e gli studios hanno accelerato la produzione per soddisfare l’insaziabile domanda di contenuti.

Come vi avevamo anticipato, il prossimo 11 dicembre farà il suo debutto su Netflix “The Prom”, l’adattamento cinematografico di Ryan Murphy del musical di Broadway nominato ai Tony Award.
La location, una palestra del liceo all’estremità orientale di Hollywood. I canestri da basket alti al soffitto. Tappetini di gomma e ragnatele di cavi coprivano il pavimento. Accanto ai tavoli degli snack, James Corden, Kerry Washington e Meryl Streep, con una parrucca rossa come una ciliegina da cocktail, si sono esercitati in coreografie, eseguendo gli stessi passi non proprio a tempo.

“The Prom” è l’ultimo di una serie di adattamenti di Broadway dal palcoscenico allo streaming e allo schermo. Tra i progetti finanziati ci sono infatti “Hamilton”, “American Utopia”, “The Boys in the Band”, “What the Constitution Means to Me”, “The Prom”, “Ma Rainey’s Black Bottom”, “Wild Mountain Thyme”, “West Side Story”, “In the Heights”, “Diana: The Musical”, “Dear Evan Hansen”, “13” e “Wicked”.

Dopo decenni di sporadici adattamenti, Hollywood ha improvvisamente impegnato molti finanziamenti – e intere sezioni di ottoni – per le produzioni teatrali.

Hollywood e Broadway hanno sempre avuto uno stretto rapporto, anche se le dinamiche di potere di quella relazione hanno subito cambiamenti nel corso degli anni.
Nei primi decenni di Hollywood le commedie di successo, in genere, diventavano film, con gli studios che si assicuravano i diritti degli spettacoli prima del debutto in anteprima. Ma negli anni ’70, con Broadway dietro alla musica e alla cultura popolare, il flusso si è invertito, e i film sono diventati foraggio per spettacoli teatrali e musical.

Negli anni ’60 solo il 5% dei nuovi musical di Broadway erano basati su film. Negli anni 2010, quel numero era salito al 41%, una statistica che include i vincitori di Tony Award come “Once”, “Kinky Boots” e “The Band’s Visit”.
I musical tratti da film sono diventati un rischio economico più sicuro: i produttori scommettono che un potenziale acquirente di Broadway sarebbe più disposto a pagare centinaia di dollari per un titolo familiare.

Cosa spiega questa nuova inversione di tendenza: un’ondata di film tratti da spettacoli teatrali che ha preceduto e probabilmente si estenderà oltre la chiusura di Broadway a causa della pandemia? 

C’è la crescente popolarità della Broadway di oggi, che batte costantemente i record nelle vendite di biglietti e nelle presenze. Il nuovo sound dei musical, guidato da jukebox e influenzato dal pop, non sembra più così retrogrado. E l’ascesa dei servizi di streaming è stata accompagnata da un desiderio apparentemente insaziabile di contenuti, anche di nicchia.
Inoltre, ora c’è più fraternizzazione fra teatro, cinema e televisione, con drammaturghi che popolano le stanze degli sceneggiatori e registi teatrali che realizzano film.
Lo stile dell’adattamento contemporaneo dal palco allo schermo spazia ampiamente dalla ripresa live della performance in teatro, sulla scia di “Hamilton”, a una versione più ampia della produzione teatrale, come “The Boys in the Band” (Netflix), girata con le stesse star di Broadway. Può anche offrire materiale nuovo e sostanziale, come in “The Prom”, o essere una rivisitazione completa dello spettacolo, come il primo lavoro di Lin-Manuel Miranda, “In the Heights”, diretto da Jon M. Chu e previsto in uscita nelle sale il prossimo anno.

La logica sconsiglia, però, di adattare per lo schermo uno spettacolo che ha ancora una vita teatrale attiva, a Broadway o in tournée, poiché un film scoraggerebbe la vendita dei biglietti in teatro.
Eppure ci sono esempi come “Legally Blonde”, approdato su MTV circa sei mesi dopo che aveva aperto a Broadway, che ha invece galvanizzato le vendite del tour.

Voler fare un film partendo da uno spettacolo teatrale non significava ricreare esattamente quest’ultimo, spesso vengono commissionati nuovi dialoghi e canzoni.
Le versioni filmate degli spettacoli di Broadway, buone o cattive, sono una forma di intrattenimento più democratica. Non tutti possono permettersi di andare fino a Broadway per vedere uno spettacolo. E fino alla sua riapertura, al più presto a giugno, le versioni cinematografiche sono tutto ciò che abbiamo.

“Diana: The Musical”, una biografia teatrale della Principessa del Galles, avrebbe dovuto debuttare a Broadway nel marzo 2020, invece il prossimo anno arriverà su Netflix una versione filmata. Christopher Ashley, il regista, ha detto di sentirsi grato di lavorare in un momento in cui così tanti a teatro rimangono disoccupati. Eppure è sembrato strano impegnare il musical in un film prima che avessero terminato correttamente le anteprime.

In questo momento – e fino a quando i cinema non potranno riaprire in sicurezza – questi adattamenti cinematografici sembrano regali per gli amanti del teatro, e chissà se la storia d’amore tra Hollywood e Broadway non possa portare a una nuova forma di rinascita per il settore teatrale.

Oggi è il 23 Novembre 2020

Archivio