Broadway Bound Rubriche

“A Chorus Line” di Ryan Murphy è ufficialmente in lavorazione

In un’intervista a Deadline, Ryan Murphy ha parlato dell’imminente adattamento cinematografico prodotto da Netflix, “The Prom”, della produzione di “The Boys in the Band” e della sua prossima mini serie basata sul musical del 1975 “A Chorus Line”, vincitore del Tony Award e del Premio Pulitzer.

Murphy ha raccontato che il film The Prom” è stato realizzato più velocemente di quanto avrebbe mai potuto immaginare.


«È successo tutto in circa 2 settimane e mezzo, e poi abbiamo iniziato la pre-produzione la settimana successiva per girare a dicembre. Ho ottenuto i diritti la prima settimana di febbraio e poi abbiamo girato il 2 dicembre.
Abbiamo avuto un processo di pre-produzione molto lungo perché dovevamo ricostruire Broadway prima. Meryl Streep è stata la prima a dire di sì: “Voglio solo fare qualcosa che sia gioioso. Sono stanca di piangere tutto il tempo. Voglio fare qualcosa che sia celebrativo”.
Volevo fare un musical davvero grande per tutti, che fosse nella tradizione dei grandi musical di Hollywood con cui sono cresciuto e che ho amato.
Proviamo a costruire un’America, in particolare, e un mondo per tutti, ed è di questo che parla “The Prom”».

The Boys in the Band” è stato il vero debutto di Ryan Murphy nel mondo dell’adattamento cinematografico di un’opera teatrale.
Durante l’intervista ha inoltre annunciato di aver appena ottenuto i diritti per realizzare la sua serie “A Chorus Line”, di cui vi avevamo dato notizia nel settembre 2019.

«Stiamo provando un approccio diverso con “A Chorus Line”, vorremmo realizzare una mini serie per Netflix. Il mio regista\produttore preferito di Broadway di tutti i tempi è Michael Bennett. Quindi, sarà un “A Chorus Line” con tutta quella musica meravigliosa, ma anche con la sua idea di “A Chorus Line”.
E la cosa da cui sono sempre stato molto affascinato, è che l’ha fatto per amore del mestiere. Ha preso un piccolo ufficio a Times Square, ha portato dei ballerini in quelle stanze e gli ha detto di parlare delle loro vite, e da quelle interviste poi è nata la musica, e così ho ottenuto i diritti per tutte quelle interviste. Ho tutti quei nastri. Ho tutto quel materiale su come creata “What I Did For Love”.
È un processo molto interessante su cui inizierò a lavorare il prossimo anno. Adesso sto facendo un altro musical chiamato “The Legend of Georgia McBride”, anche questo per Netflix, scritto da Matthew Lopez, che ha appena scritto “The Inheritance”, e lo sto producendo con Jim Parsons. Ho una passione per questo e penso che la gente ami i musical. Adoro quella frase:

“if you can’t say it, sing it”

Penso che ci sia qualcosa di molto magico in questo.»

Oggi è il 14 Aprile 2021

AIDA CONSIGLIA

Archivio