“Romeo e Giulietta” del Balletto di Milano non delude…anzi, innamora

di Francesco Borelli
544 views

Lo scorso week end il Balletto di Milano ha portato in scena un nuovo allestimento della storia di “Romeo e Giulietta”, un classico della letteratura prestato, nel tempo, a numerose trasposizioni cinematografiche, teatrali e di balletto. Le coreografie della nuova produzione, affidate al giovane e talentuoso Federico Veratti, sono uno splendido coronamento alla storia d’amore più struggente di tutti i tempi.

Tutto funziona in questa giovane produzione. Tutto si sviluppa in un’apoteosi di bellezza e amore in vista del tragico epilogo. Essenziale ma d’impatto la scenografia di Marco Pesta, curati ed eleganti i costumi nella doppia coloritura dell’oro e dell’argento a sottolineare l’appartenenza all’una o all’altra casata, Capuleti o Montecchi. Splendido il panier ottocentesco che è insieme abito di Giulietta, letto e sepolcro.

Ciò che colpisce però è la struttura coreografica dell’intero balletto. Il giovanissimo Veratti ha segnato una svolta nella sua crescita e maturazione artistica regalandoci un balletto da Gran Operà.

Bellissime le sequenze d’assieme caratterizzate da geometrie e figure precise e dinamiche. Evidente la ricerca coreografica di un artista che unisce al classicismo accademico, spunti moderni e dinamiche nuove. Struggenti e “innamorati” i passi a due che vedono protagonisti Federico Mella e Giordana Roberto.

Lui, appena ventiduenne interpreta un Romeo che ha tutta la bellezza e il disincanto, la forza e le fragilità di un giovane ragazzo che incontra l’amore per la prima volta e per esso mette tutto in discussione fino ad andare incontro alla morte. Mella è bravissimo. Tecnicamente sicuro di sé anche nelle sequenze più insidiose e complicate. Bei salti, giri sicuri, tecnica pulita e trasporto sincero scevro da sovrastrutture e manierismi.

Giordana Roberto è una tenerissima Giulietta. Danza con gambe e piedi, con viso e occhi. Attraverso le sue delicate movenze e uno sguardo capace di rapire ci trascina con lei nei turbamenti della fanciulla Giulietta. La bellezza di questa giovane danzatrice è tutta nell’insicurezza dell’eroina shakespeariana, in quel trasporto di passione e paura che traspare nelle sequenze ballate di cui la Roberto è assolutamente padrona.

Meritano menzione tutti i danzatori dell’ensemble milanese. Bravi, giovanissimi e di belle speranze. Alessandro Torrielli è un magnifico Benvolio, Alessandro Orlando è uno sfrontato Tebaldo, Giulia Simontacchi una chicchissima balia. Il coreografo Veratti, oltre a essere deus ex machina del balletto è anche un meraviglioso Mercuzio.

Toccare un classico della letteratura e del balletto non è mai semplice. Si rischia di strafare e nell’esagerazione di cadere in facili tranelli che una storia così straordinaria può celare. Tutto ciò però non è accaduto. Questo giovane balletto merita un grande futuro. Certo, con qualche piccolo accorgimento ma nulla in confronto alla bellezza e le emozioni che la storia di Giulietta e del suo Romeo ci ha regalato. DA NON PERDERE.

Articoli Correlati

Lascia un Commento