News

New York, annuncio shock del Metropolitan: resterà chiuso per un altro anno

Al contrario di quanto auspicato – la riapertura del teatro più importante degli Stati Uniti con il Gala di Capodanno – il Metropolitan ha annunciato ufficialmente che resterà chiuso per un altro anno, cancellando quindi l’intera stagione 2020/21. Una notizia che ha fatto in breve il giro del mondo e che è stata commentata con stupore e preoccupazione anche sui social. Nell’immaginario comune non esiste la possibilità che un’istituzione di simile livello possa entrare in crisi ma la verità è che la pandemia globale ha messo in ginocchio l’economia di tutto il mondo e strutture come il Met hanno costi troppo elevati per potersi permettere di riaprire con una capacità ridotta. Questo non è però l’unico motivo che ha portato alla drastica scelta dettata in primis dai consigli dei funzionari sanitari che suggeriscono, visto il tipo di attività svolta al Met, di ripartire quando ci sarà un vaccino e quando potremo fare a meno del distanziamento sociale.

La preoccupazione del momento riguarda le ripercussioni che questa comunicazione avrà sulla città: il Met è l’istituzione culturale di riferimento per New York e ci saranno conseguenze per le altre strutture di arti dal vivo alle prese con la pandemia, tutte inattive da marzo 2020 quando hanno chiuso i battenti anche i teatri di Broadway. Sul piano simbolico, le ripercussioni sono mondiali: il settore cultura non sta riuscendo a ripartire dignitosamente e molti lavoratori dello spettacolo sono senza occupazione fino a data da destinarsi, nonostante l’impegno di tanti per adeguarsi alle esigenze del momento.

In un video messaggio ufficiale, Peter Gelb, Direttore generale del Met, ha dichiarato che sta lavorando per adattarsi ad un mondo trasformato dalla pandemia cercando di frenare gli alti costi dell’azienda: «Le esperienze artistiche devono essere le migliori di sempre per attirare il pubblico. Occorre tuttavia lavorare sui costi.» ha detto. Il Direttore ha voluto anche rassicurare finanziatori e pubblico affezionato sui solidi piani del Met per un’ambiziosa Stagione 2021/22. Lo sforzo più complicato sarà quello dietro le quinte: Gelb ha infatti chiesto ai sindacati della compagnia di accettare il taglio dei costi che, secondo lui, saranno necessari nel mondo post-pandemico e che altre importanti organizzazioni artistiche hanno già iniziato ad attuare.

Sui social, nel frattempo, si annuncia che la prima alzata di sipario sarà il 27 settembre 2021 e si legge: “We regret to inform you that we have made the extremely difficult decision to cancel the entirety of the 2020–21 season, based on the advice of health officials who advise the Met and Lincoln Center. We want nothing more than to get back to creating operatic magic as only the Met can, but the safety of our company and the audience we serve must come first.
In the meantime, we are pleased to be able to announce the Met’s 2021–22 season, which will open September 27, 2021. Learn more at metopera.org/updates

Ricordiamo che, per chi volesse fruire di alcune produzioni del passato, la Metropolitan Opera House ha un canale streaming su www.metopera.org/season/on-demand

Oggi è il 3 Dicembre 2020

Archivio