Broadway Bound Rubriche

«“Grease” è razzista, misogino, omofobo e falso perbenista»
Il musical cult degli anni '70 finisce nell’occhio del ciclone dei critici di Twitter

È stato uno dei film di maggior incasso degli anni ’70 e da allora ha sempre deliziato il pubblico. Ma oggi il musical di successo “Grease” è diventato l’ultimo bersaglio dei critici dell’ultima ora che l’hanno condannato per razzismo, sessismo, omofobia, falso perbenismo.
Sui social è stato addirittura chiesto che la storia d’amore tra Sandy e Danny venga cancellata e mai più trasmessa in TV.

Quando la BBC1 ha trasmesso il film il giorno di Santo Stefano, 42 anni dopo l’uscita al cinema, i giovani si sono rivolti ai social media per etichettarlo come “viscido e misogino” per aver mostrato come Sandy, interpretata da Olivia Newton-John, si sia trasformata in una femme fatale per accaparrarsi l’uomo dei suoi sogni, Danny Zuko, interpretato da John Travolta.

Come ricorderete, nelle scene finali del film, Sandy abbandona la sua immagine da brava ragazza per dei pantaloni attillati e inizia a fumare per fare colpo su Danny.
Questo ha spinto un utente indignato di Twitter a scrivere: «Grease è troppo sessista ed eccessivamente bianco e dovrebbe essere bandito dallo schermo. Dopotutto, è quasi il 2021».
Un altro spettatore furioso si è lamentato: «Grease fa schifo a così tanti livelli e il messaggio è pura misoginia».

Una scena che ha causato particolare disagio ai giovani spettatori è stata quando Putzie, uno degli amici di Danny della banda dei T-Birds, si è coricato sul pavimento per guardare le gonne di due studentesse della Rydell High School.
Altri spettatori si sono lamentati delle parole «Did she put up a fight?» nella canzone “Summer Nights”, quando Danny descrive la seduzione di Sandy.
«Così si scopre che “Grease” in realtà è piuttosto stupido – ha scritto uno spettatore inorridito, mentre un altro ha detto – Misogino, sessista e un po’ stupido».

Gli spettatori sensibili hanno anche preso di mira i personaggi femminili del film.
Rizzo è stata accusata di essere una prepotente quando ha ridicolizzato l’immagine della brava ragazza di Sandy mentre cantava “Look At Me I’m Sandra D” di fronte alle sue amiche della banda delle Pink Ladies a un pigiama party.
Altri erano arrabbiati per il fatto che Rizzo fosse una “svergognata” per aver dormito con vari uomini, in particolare quando ha fatto sesso con Kenickie senza preservativo.
Dopo aver pensato che potesse essere incinta, Rizzo è stata ostracizzata, spingendo il personaggio, interpretato da Stockard Channing, a cantare: «There are worse things I could do than go with a boy or two».

Un altro personaggio nel mirino delle critiche è stato Vince Fontaine, il famoso conduttore che ha presentato il ballo alla Rydell High.
Mentre il personaggio flirtava con la Pink Lady Marty, ha detto a tutti i ballerini che non erano ammesso coppie dello stesso sesso.
Il film, dopotutto, è ambientato nel 1958, 45 anni prima che l’omosessualità fosse universalmente depenalizzata negli Stati Uniti.
Tuttavia, l’evidente mancanza di consapevolezza LGBT ha fatto arrabbiare un giovane utente di Twitter, che si è lamentato: «Tutte le coppie devono essere maschi / femmine? Bene Grease, levati la tua omofobia».

Anche la mancanza di volti non bianchi nel cast non è passata inosservata.
Uno è arrivato al punto di mettere in dubbio la decisione dell’emittente di mandare in onda il film e ha espresso sorpresa che sia stato mostrato senza una dichiarazione di non responsabilità.
Uno spettatore ha scritto: «Ho visto la fine di “Grease”, il film, e ho notato che non c’erano attori o alunni di colore al liceo».

Quando Grease è uscito nel 1978, la censura del cinema gli ha dato una valutazione A, l’equivalente del PG di oggi PG (Parental Guidance: la visione del film da parte dei bambini è consigliata con la presenza dei genitori), commentando solo alcuni dei linguaggi quasi impercettibili.
Il film ha ancora una classificazione PG con un avvertimento di “frequenti riferimenti sessuali lievi e linguaggio mite”.

La signora Newton-John ha già respinto le accuse di sessismo, dicendo: «È un film e una storia divertente e non l’ho mai preso troppo sul serio».

Oggi è il 17 Settembre 2021

IN EVIDENZA

DELLALO'

AIDA CONSIGLIA

Archivio