Brillano le future stelle della danza nella scuola di Barbara Scaramuzzi

di Francesco Borelli
743 views

Lo scorso mercoledì 28 giugno presso il Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, meravigliosa struttura teatrale di prossima chiusura – ahimè sembra non ci sia soluzione ai problemi di quest’Italietta poco attenta alla cultura- ho assistito allo spettacolo di fine anno dell’ACCADEMIA DANZA E SPETTACOLO diretta da Barbara Scaramuzzi. La scuola, come la sua Direttrice, parla d’immensa professionalità, capacità e competenze e lo spettacolo proposto è stato, senza alcun dubbio, un graditissimo excursus nella bellezza di una danza curata nel dettaglio e con infinita partecipazione. Gli allievi della scuola si sono rivelati ben preparati al pari dei danzatori delle grandi accademie e le qualità di alcuni fanno pensare, e sperare, a carriere di certo brillanti e di successo.

Dai corsi dei bambini fino a quelli superiori mai, neppure per un istante c’è stata la sensazione di trovarsi ad assistere al saggio di una scuola privata. Tutto è stato perfetto: dalle posizioni, millimetricamente studiate, fino agli insiemi, ineccepibili. Ciò che brilla è la preparazione tecnica degli allievi. Tra i tanti, tutti bravi, brillano la diplomanda Martina Calabrese, splendida Nikiya ne “La Bayadere” di Petipà, Francesco Mazza, Idolo d’oro e già interprete di un apprezzato Arlecchino e Mariarosaria Costanzo, brillante Colombina.

La Calabrese, viso da bambola e corpo statuario, stupisce per la bellezza dei port de bras e le linee lunghe e controllate. Buona la tecnica, intense e morbide le braccia, ottima schiena e consapevolezza da artista navigata. Francesco Mazza è talento allo stato puro. Selezionato tra 338 candidati per il prestigioso Prix de Lousanne, Francesco, classe 2002, gode di tali e tante qualità fisiche da far intuire, per nulla tra le righe, che il ragazzo farà strada e, certamente, sentiremo presto parlare di lui.

La scuola, tutta, si è rivelata pienamente all’altezza delle esigenti performance. Da segnalare, oltre a “Bayadere”, anche “The King of Ballet”, un divertissement dedicato ai Queen in cui i corsi medi e superiori si sono esibiti in splendide coreografie curate da Barbara Scaramuzzi, ben costruite sulla musicalità pop e scatenata del gruppo rock britannico. Il medley è stato a dir poco entusiasmante e si è concluso tra applausi infiniti e scroscianti.

Il merito della bellezza dello spettacolo cui ho assistito, è, certamente, della sua Direttrice. Barbara Scaramuzzi, incontentabile, precisa, preparata e competente, impone, com’è giusto che sia, rigore, dedizione, impegno e i risultati ottenuti dimostrano come, non solo nel sud dell’Italia esistano tante e buone realtà ma anche che alcune di esse possono fornire una preparazione tale da essere competitive con le scuole di ballo più prestigiose e spesso, lasciatemelo dire, non sempre all’altezza del compito. Tante le ore di lavoro ogni singolo giorno e infiniti gli obiettivi raggiunti nel corso del tempo: solo nell’ultimo anno alcuni allievi sono stati ammessi, tra oltre 5000 candidature, alla summer school del Royal Ballet e dell’English National Ballet, altri sono stati ammessi al Premio Roma che si disputerà prossimamente, un altro gruppo è arrivato in semifinale per il prestigioso Premio Mab. D’altronde la professionalità paga sempre.

Accademia Danza e Spettacolo è sita a Pomigliano d’Arco in provincia di Napoli e il numero degli allievi che la frequentano è destinato ad aumentare negli anni a venire. Molti i grandi nomi della danza che hanno partecipato all’attività didattica della scuola: da Geffrey Coley, già Maestro e coreografo del Royal Ballet a Loreta Alessandresku, insegnante della scuola di ballo del Teatro alla Scala di Milano, da Alessandra Celentano e Josè Perez fino ad Alessandro Macario, primo ballerino del Teatro San Carlo di Napoli, Francesco Ventriglia e Isabelle Ciaravola, étoile dell’Operà di Parigi. Lo staff insegnante, oltre che da Barbara Scaramuzzi, docente per la danza classica e il repertorio è composto di Lucia di Perna, Liliana Passaro, diplomata nel 2014 e splendida Gamzatti, Raffaella Pugliese, Danilo Grano, Pamela Pinto e Carmela Tramontano.

Saluto con grande favore l’esistenza, rara purtroppo, di scuole private con tali caratteristiche. Accademia Danza e Spettacolo è, a tutti gli effetti, una scuola professionale in cui gli allievi studiano sulla base di velleità ballettistiche da un lato, quello degli studenti e grandi competenze dall’altro, quello dei docenti. Barbara Scaramuzzi, prima danzatrice professionista e poi dedita all’attività didattica, ha colto nel segno e ha creato una realtà degna di fama e tanti altri futuri successi. Chapeau quindi e ad maiora.

Crediti fotografici: Ezio Bevere

Articoli Correlati

Lascia un Commento