Al Teatro Regio di Torino dicembre è danza

La bella addormentata e Don Chisciotte con il Balletto del Teatro Nazionale di Praga e il Balletto del Teatro Nazionale dell’Opera di Kiev

di DANCE HALL NEWS
798 views

Dicembre è, come da tradizione, il mese della danza. Dal 7 al 17 andrà in scena uno dei balletti più famosi e amati: La bella addormentata su musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij e coreografia di Marcia Haydée (da Marius Petipa) nell’interpretazione del Balletto del Teatro Nazionale di Praga. 

Dal 22 al 31 dicembre, un tuffo nel cuore della Spagna con una coreografia elettrizzante: Don Chisciotte, titolo tra i più brillanti del repertorio classico grazie alla partitura di Ludwig Minkus; il Balletto del Teatro Nazionale dell’Opera di Kiev porta in scena la versione di Viktor Lytvynov dalla coreografia originale di Marius Petipa, Aleksandr Gorskij e Kasian Golejzovskij.

LA BELLA ADDORMENTATA
Le celebri e delicate melodie composte da Pëtr Il’ič Čajkovskij per La bella addormentata saranno interpretate dall’Orchestra del Teatro Regio diretta dal maestro Václav Zahradník.

La storia della principessa Aurora, che cade in un sonno profondo e lungo cento anni in attesa di essere svegliata dal bacio di un innamorato, esprime la lotta eterna tra il bene e il male attraverso il confronto tra la Fata dei Lillà e la malvagia Carabosse. È proprio questo personaggio ad aver affascinato maggiormente la coreografa Marcia Haydée – musa di John Cranko e autentica leggenda vivente della danza – spingendola a rileggere la fiaba da una prospettiva diversa. Dopo averla danzata decine di volte durante la sua carriera di ballerina, l’artista brasiliana scelse questo balletto per debuttare come coreografa nel 1987 al Stuttgarter Theater: da allora il suo lavoro è stato interpretato ininterrottamente dalle migliori compagnie di danza. Nel 2021 il titolo è entrato nel repertorio del Balletto del Teatro Nazionale di Praga, che lo ripropone con successo nei suoi tour. Oltre alla principessa Aurora e al principe Désiré, Haydée mette in primo piano il personaggio di Carabosse che ci ricorda che il male è una parte costante del mondo e che non se ne andrà mai. La coreografa ha affermato: «Per me La bella addormentata è la storia di Carabosse. Penso che ciascuno porti in sé aspetti di energia positiva e negativa, una lotta universale con cui tutti possiamo confrontarci». 

Il Balletto del Teatro Nazionale di Praga, fondato nel 1883, è una compagnia cosmopolita, la più grande della Repubblica Ceca, composta da ballerini di diciotto nazionalità diverse. In scena i Solisti e il Corpo di ballo del Teatro Nazionale di Praga, con la partecipazione degli allievi delle scuole: Susanna Egri (Fondazione Egri per la Danza), Balletto Teatro di Torino, Danza Arte e Movimento.

DON CHISCIOTTE
Dal 22 al 31 dicembre va in scena Don Chisciotte sulla musica sfavillante di Ludwig Minkus. Il Balletto del Teatro Nazionale dell’Opera di Kiev porta in scena la versione coreografica di Viktor Lytvynov tratta dalla coreografia di Marius Petipa, Aleksandr Gorskij e Kasian Golejzovskij. L’Orchestra del Teatro Regio è diretta da Viktor Oliynyk.
 
Il Teatro Nazionale dell’Opera di Kiev “Taras Ševčenko” alza il sipario per la prima volta nel 1867 e all’inizio del ’900 inizia a formarsi la Compagnia di balletto. Dalla fine del 2022 il Balletto, che vanta 150 danzatori, è guidato dal Direttore artistico Nobuhiro Terada, insignito del titolo di “Artista popolare ucraino”. Nato in Giappone, Terada si è diplomato al Kyiv Choreographic College e per molti anni è stato solista della Compagnia. Oltre a preservare l’eredità classica nel repertorio della compagnia di balletto, Terada presta grande attenzione alle tendenze moderne nella coreografia.


Don Chisciotte rappresenta un vero e proprio tuffo nel cuore della Spagna. Il cavaliere coraggioso ed eccentrico inventato da Miguel de Cervantes, accompagnato dal fedele Sancho Panza, dovrà aiutare i giovani Kitri e Basilio a coronare il loro sogno d’amore.

Il titolo fa ormai parte della storia del Balletto del Teatro Nazionale dell’Opera di Kiev, che lo presenta in un allestimento accattivante e dai caldi colori mediterranei, con scene e costumi di Vladimir Arefiev. La coreografia, ideata dal celebre Marius Petipa a fine Ottocento e poi rivista in tempi più moderni, è contraddistinta da un virtuosismo esuberante. Nel ruolo dell’amata Dulcinea sarà la splendida e delicatissima Natalia Matsak prima ballerina del Teatro e Artista d’Onore dell’Ucraina in alternanza a Olga Kifyak-fon-Kraimer; Basilio saranno Sergej Kryvokon Jan Vana; Don Chisciotte è interpretato da Sergii Kryvokon e Sancho Panza da Oleksii Shvydkyi.

I due balletti saranno presentati al pubblico negli incontri a cura della giornalista e storica della danza Elisa Guzzo Vaccarino, e si terranno mercoledì 6 dicembre mercoledì 20 dicembre al Piccolo Regio Puccini alle ore 18, con la partecipazione degli artisti e proiezioni video.

Crediti fotografici: Ksenia Orlova e Martin Divjiek

Articoli Correlati

Lascia un Commento