News

è trascorso un mese. Arrivederci Silvio.

È trascorso un lunghissimo mese. E si sa, il passare dei giorni rende più vivi i ricordi, riportando alla mente immagini o persone che, in qualche modo, hanno cambiato il corso della nostra vita. Silvio Oddi non c’è più. Forse danza, adesso, in un mondo migliore. E ha un grande merito: attraverso la sua arte ha reso più bella la nostra realtà, ha permesso di credere ai sogni e acceso la passione in tanti che desideravano essere come lui. Fisico statuario, gambe che toccavano il cielo, tecnica pulita, esecutore preciso, interprete duttile, danzatore carismatico, partner prediletto di una strepitosa Cuccarini. Silvio Oddi era questo e molto di più. Inizia gli studi di danza allo Ials di Roma e, ancora diciassettenne, comincia la sua carriera televisiva a Fantastico, programma storico della Tv Rai degli anni ‘80-‘90. Grazie a Lorella Cuccarini diventa primo ballerino, affiancandola in tanti programmi di grande successo come Buona Domenica, Trenta ore per la vita, La Stangata. Si trasferisce a Londra, poi a Montecarlo. Fonda una sua compagnia e si fa portavoce di una danza di qualità ben lontana dal circo degli ultimi anni fatto di starlette e coreografie vuote finalizzate a stupire l’occhio ma non a rendere omaggio a un’arte sopraffina come la danza. Desiderava questo, Silvio: affrancare il balletto da una banale spettacolarizzazione propria di chi l’arte, probabilmente, non sa neppure che cosa sia. Intanto migliaia di danzatori in erba vedono in lui l’esempio, il modello da imitare, il ballerino che si desidera essere. E si cresce, si studia e si migliora con davanti agli occhi esempi positivi. Eh sì, Silvio è stato questo per tantissimi di noi. Ci ha donato la consapevolezza che senza il sacrificio, lo studio e l’impegno non si arriva da nessuna parte. Un faro in una Tv in cui la popolarità si confonde con la professionalità e propone, ahimè, modelli vacui e frivoli. Poi lo scorso 8 Luglio Silvio ci lascia. Si spengono i riflettori su una vita bella. Ne parlano i social network. Riporta la notizia qualche giornale specializzato. Lo ricordano gli amici, tra cui Lorella Cuccarini, Matilde Brandi, Luca Tommassini, Marco Mengoni. Ma la televisione tace. Quella stessa Tv cui tanto Silvio ha dato e regalato. Forse è vero che l’Italia è un paese che dimentica facilmente, senza memoria. Di certo, Silvio è vivo dentro ognuno di noi. In tutti coloro che amano la danza incondizionatamente e troppo rispetto hanno per l’arte più sublime e bella. Silvio Oddi ci ha lasciati un mese fa…ma Lui, per tutti noi, vivrà per sempre.

Oggi è il 24 Ottobre 2019

Archivio

X