News

L’étoile Giuseppe Picone torna al San Carlo con “Lo Schiaccianoci”

L’étoile Giuseppe Picone torna al Teatro San Carlo di Napoli con il celeberrimo balletto di Natale “Lo Schiaccianoci”.

Il debutto martedì 30 dicembre, alle ore ore 20,30 nell’allestimento con le coreografie di Marius Petipa e Lev Ivanov riprese da Alessandra Panzavolta.

Lo Schiaccianoci, con musiche di Piotr I. Ciaikovskij, balletto in due atti ed epilogo, è uno dei balletti più famosi ed apprezzati dal pubblico. La storia, nota a tutti, tratta dalla novella dello scrittore romantico tedesco E.T.A. Hoffman, è ambientata in una vigilia di Natale, all’inizio del XIX secolo.

Per le sue caratteristiche di favola a lieto fine e per la vicenda pervasa da un’atmosfera fatata di festa “Lo Schiaccianoci” si conferma ad ogni rappresentazione una fiaba fatta di dolciumi, soldatini, fiocchi di neve, topi cattivi, principe azzurro e fatina. Un balletto molto amato da tutte le generazioni, che colpisce i bambini e incanta i grandi. Per questo è lo spettacolo più rappresentato nel mondo durante il periodo natalizio.

“Napoli e il Teatro San Carlo – afferma l’étoile – mi suscitano sempre una forte emozione. Quei luoghi mi hanno visto muovere i primi passi nella danza e quindi per me è un andare piacevolmente indietro con il tempo, alle mie origini. Un ritorno in quelle sale e sul quel palcoscenico, che da piccolo alcune volte mi spaventavano, ma che poi mi hanno dato l’opportunità di costruire il mio futuro. Oggi ho maggiore consapevolezza e con enorme entusiasmo affronto questo spettacolo per regalare al mio pubblico partenopeo forti emozioni, quelle che provo io ogni volta che sento il profumo e l’odore delle tavole di quel palcoscenico”.

 

Come sempre Giuseppe Picone, con la sua eleganza e bellezza classica, accompagnata da stile e tecnica impeccabili, riesce a riscuotere grandi consensi sia dal pubblico che dalla critica riconosciuto come uno dei più grandi étoile a livello internazionale.

Crediti fotografici: Alessio Buccafusca

Oggi è il 24 Ottobre 2019

Archivio

X