News

“Callas il mito”: la Divina rivive al Teatro Nazionale di Milano.

Raccontare personaggi straordinari non è affatto semplice. Narrarne la vita e le opere attraverso la danza è, poi, impresa ardua, che rischia di scadere nella banale ovvietà del racconto. Con le coreografie di Anselmo Zolla e la regia di Josè Possi Netto, Callas il mito vuole essere, invece, un felice tentativo di celebrare la vita e i successi della più grande cantante lirica di tutti i tempi.

La Callas è il bel canto. È la vocalità nella sua essenza più profonda e potente. È vita pura. Unica, straordinaria. Piena. Lo spettacolo, utilizzando un linguaggio ludico, vuole raccontare gioie e dolori, delusioni e gloria della vita della Divina. Il difficile compito di interpretare un personaggio di siffatta portata è affidato a Marilena Ansaldi. Nata come danzatrice classica presso il Teatro Municipale di São Paulo, negli anni ‘60 è divenuta solista presso il Bolshoi Ballet. Alla fine del decennio sessantino abbandona, poi, il mondo della danza tradizionale e diventa attrice e pioniera del teatro-danza in Brasile. Un ruolo di primo piano è affidato a Josè Perez, ballerino cubano conosciuto al grande pubblico per la sua partecipazione al programma “Amici” di Maria De Filippi. Accanto a lui venti danzatori, diretti da Vera Lafer, sono chiamati a interpretare la furia e la passione, i due sentimenti che in assoluto identificarono la vita della Callas. Dopo il debutto brasiliano al Festival de Teatro de Curitiba del 5 aprile scorso, Callas il mito approda a Milano al Barclays Teatro Nazionale, per poi spostarsi a Parigi. Dal 19 al 21 giugno la Divina torna in scena.

Per le info riguardo allo spettacolo consultare la slide sopra l’articolo.

 

Oggi è il 24 Ottobre 2019

Archivio

X