News

Trent’anni di Cuccarini. Come te nessuno mai

Correva l’anno 1985. Il 5 Ottobre tornava in TV la sesta edizione di uno dei programmi più amati e, ahimè rimpianti, della rete ammiraglia RAI: Fantastico. Maestro di cerimonie il re della televisione italiana: Pippo Baudo. Al suo fianco una giovane ragazza romana: gambe lunghissime, bionda e dalla pelle bianca come le dive americane, occhi del colore del cielo e totalmente sconosciuta. Quella fanciulla si chiamava Lorella Cuccarini e quella sera nasceva una stella. Il successo della giovane Lorella è immediato. Confermata per l’edizione successiva, surclassa la rivale Martines. Conquista premi e copertine e diventa la più amata dagli Italiani. Passa alla Fininvest e diventa la prima donna di “Festival”. La sigla “Io ballerò” fa furore e la popolarità aumenta a dismisura. Orfana di Pippo Baudo incontra Antonio Ricci. Incanta il pubblico italiano con “La Notte Vola” e poi lo diverte con sette edizioni di “Paperissima, errori in TV”. La Cuccarini è bella, la Cuccarini è brava e non sbaglia un colpo. Ciò che tocca diventa oro e le critiche positive si sprecano. Tutti hanno una buona parola, tutti la amano e la prendono come esempio positivo di ciò che bisognerebbe essere e diventare. La ballerina romana è cresciuta. Ormai intrattiene, recita e impara il mestiere fino a essere definita “perfetta”. Come Mary Poppins. Intanto arriva il 1991 e inizia la prima diretta di canale 5; “Buona Domenica” è il successo dell’anno. Lorella ne sarà protagonista per tre indimenticabili edizioni. I balletti di Marco Garofalo creati per la bionica Cuccarini fanno storia e lei, professionista indefessa, conduce, canta e danza in maniera integerrima.

Intanto Cuccarini si sposa, diventa mamma e inizia a fare del bene. Nasce “Trenta ore per la vita”, manifestazione che continuerà fino ai giorni nostri e che raccoglie fondi per la realizzazione d’infiniti progetti. La macchina da guerra dello spettacolo italiano continua la sua ascesa. “La Stangata”, “Campioni di ballo”, “La Notte Vola” sono solo alcuni degli innumerevoli programmi che porta al successo. Arriva il 2002. Torna in Rai con lo show del sabato sera “Uno di noi” e regala veri e propri piccoli capolavori con le coreografie di Luca Tommassini. Dopo l’infelice esperienza di “Scommettiamo che” la sua carriera televisiva subisce una battuta d’arresto. Ma Lorella è Lorella e non si ferma mai. Dopo aver dato il via al filone del musical in Italia con un’indimenticata versione di “Grease” nel 1997, torna a calcare le tavole del palcoscenico con “Sweet Charity”. Un vero e proprio one woman show in cui la Cuccarini non si risparmia. Vince il premio Gassman per il miglior musical e dimostra, se ancora c’era bisogno di dimostrare qualcosa, di essere indiscutibilmente la più brava. Passano gli anni. Torna in TV con “Vuoi ballare con me” prima e poi con “La sai l’ultima”. Anche la fiction si innamora di lei e dal 1990 è protagonista nell’ordine di “Piazza di Spagna”, “Amiche”, “Lo zio d’America” e “L’amore è sordo”. Ma è ancora il teatro a regalare prestigio alla più amata. Ne “Il Pianeta Proibito”, vestita di una sola chitarra, incanta le platee italiane regalando al pubblico una delle performance più innovative degli ultimi anni. Beyoncè la prende ad esempio e la sua ospitata registra il picco d’ascolti dell’ultima puntata del “Festival di Sanremo” del 2010. Intanto torna in TV con tre edizioni di “Domenica In”, le uniche, dati alla mano, che negli ultimi anni riescono a battere la concorrenza. Ma si sa le logiche televisive sono strane. È privata del titolo di regina della domenica e parte del pubblico italiano piange, ancora, la sua assenza. Lorella non si vede più, Lorella non balla. Lorella, però, ci sorprende e ci innamora ancora. Debutta in teatro con “Rapunzel”. Il pubblico riempie il Brancaccio e le regala un Oscar Del Musical e il Premio Persefone come migliore attrice.

Esistono brave conduttrici e brave ballerine. Esistono cantanti dall’estensione straordinaria e attrici dal temperamento unico. Ma Lorella è americana dentro. Lorella sa far tutto. Lorella è un’artista. Lorella è la donna dei record. Pluripremiata con dodici telegatti, tre oscar della TV, due dischi d’oro, un disco di platino, il premio Positano e mille altri riconoscimenti, è stata insignita dal presidente Napolitano del titolo di commendatore della repubblica per meriti artistici. E’ l’unica donna della Tv ad aver partecipato al Festival di Sanremo come ballerina, conduttrice, cantante e ospite. Oggi è giudice nel programma del sabato sera “Ti lascio una canzone” e si appresta a una lunga tournè teatrale. Lorella è pulita, onesta. Non conosce raccomandazioni e probabilmente ne paga le conseguenze. Meriterebbe di più? Forse. Ma si sa l’Italia dimentica in fretta e premia, a volte, l’inconsistenza, la pochezza, il nulla. Rimane però che quando una si chiama Lorella Cuccarini continua a brillare nonostante tutto. A distanza di trent’anni da quel 5 ottobre si parla ancora di lei. La sua favola continua e non conosce il tempo che passa. Una favola che profuma di pulizia e bellezza, talento e leggiadria. Ancora trenta di questi anni, meravigliosa creatura. Che tu possa rimanere, a dispetto del tempo e di chi ti vuole male, la splendida persona e artista che sei. Come te, nessuno mai. 

Oggi è il 25 Ottobre 2020

Archivio