Rubriche Setteotto

Lia Courrier: “Shake your body”

Non ho capito, ma forse i giornalisti ci stanno facendo dei test sulla resistenza psichica alle sollecitazioni, a nostra insaputa? Come mai tanto accanimento con l’attività fisica di ragazzi e adulti su diverse testate giornalistiche? Hanno accesso a fonti che non conosciamo, dalle quali si evince che gli spazi in cui si fa attività fisica sono luoghi di unzione? Se è così che li rendano pubblici, per il famoso bene comune!

Per tacere di quel sindaco che dice pubblicamente di non portare i figli a lezione di danza.

Chiudo gli occhi e lo scenario futuribile che mi si para davanti è il seguente:

Trascorrerai le giornate su una poltrona elettrica, ultimo modello, acquistabile a rate, che si allunga, diventando persino un letto, oppure si alza per consentirti di stare al tavolo per mangiare. Si muove su un congegno di ruote munito, con una centralina di comando sul bracciolo, in modo che tu non debba mai alzarti, se non per andare in bagno (ma forse esiste un modello con botola sulla seduta da usare all’occorrenza), occasione in cui un pulsante ti consentirà persino di rimetterti in piedi senza sforzo, e così potrai definitivamente liberarti dell’oneroso impegno di avere dei muscoli!

Su questo gioiello tecnologico potrai guardare la televisione per ore, farti bombardare il cervello da programmi che uccideranno uno per uno i tuoi neuroni, come trasmissioni in cui delle persone di cui ignoravi l’esistenza si insultano per ore in modo pecoreccio. In alternativa puoi usare il comando sul bracciolo per spostarti alla postazione computer e qui, attraverso i social, insultare tu stesso chiunque capiti a tiro, protetto dall’anonimato di un nick name.

Per riempirti la pancia, ma senza sbatterti troppo a cucinare, dalla tua poltrona potrai acquistare on line cibi precotti, che dovrai solo scaldare nel microonde, elettrodomestico che renderà quel cibo, già scadente, del tutto privo di nutrienti.

Sembra un racconto di Philip DIck, vero?

Gli uomini-poltrona e il declino dell’umanità.

Il corpo è stato disegnato dall’evoluzione per muoversi, ciò che non usi si degrada, si ammala, ristagna, muore. Quindi, se vogliamo tenere alto il morale e le difese immunitarie, MUOVIAMOCI, perché ogni corpo, ad ogni età, quali siano le sue possibilità, può gioire nel piacere di muoversi.

Oggi è il 13 Aprile 2021

AIDA CONSIGLIA

Archivio