Rubriche Setteotto

Lia Courrier: “Sbarra.. ti odio e ti amo”

La sbarra.

Feticcio che ha ispirato innumerevoli odi e poetici versi da parte di danzatori e maestri.

Un oggetto che diventa estensione del proprio braccio, una casa da cui partire e a cui tornare per mantenersi in forma, per studiare, per recuperare dopo un infortunio, per riprendere dopo una pausa, per prepararsi ad uno spettacolo. Tutti partiamo e torniamo lì ogni volta.

La sbarra che fa venire i calli sul palmo della mano, che mille e mille volte devi sollevare sugli avambracci ad ogni lezione per posizionarla prima della lezione e poi riporla al momento di lasciarla per andare in centro. I ballerini vedono sbarra ovunque: nel corrimano della metropolitana, nella ringhiera del lungomare, nel nastro scorrevole del tapis roulant di un aeroporto, nel parapetto sul ponte di una nave. Qualsiasi sostegno alla giusta altezza può diventare una sala danza alternativa per un allenamento fuori pista.

La sbarra che non è solo un oggetto fisico, ma un concetto, una serie di esercizi che più o meno si ripetono secondo una sequenza tradizionalmente prestabilita, ma il cui assortimento può essere variato per 365 volte all’anno.

Un pensiero, però, mi viene in mente pensando a lei: ancora deve nascere qualcuno in grado di inventarsi una sbarra mobile che sia comoda, che non pesi come un cannone della prima guerra mondiale, che sia adeguatamente stabile e duratura, ma soprattutto che non abbia quelle ingombranti piantane, che se non fai attenzione con un battement jeté rischi di amputarti un dito o di lasciarci una falangetta. Uhm…in verità la sbarra perfetta esiste : muoio di invidia quando guardo i video delle lezioni della compagnia alla ROH, che possiede le sbarre più belle del mondo, create proprio durante gli ultimi lavori di ristrutturazione, seguendo le indicazioni dei ballerini. Un gioiello della tecnologia al servizio delle esigenze professionali di chi quell’oggetto lo utilizza tutti i giorni. Noi qui invece ancora ci facciamo venire un’ernia inguinale nei traslochi di metà lezione, anche perché con la solita penuria di uomini i lavori forzati toccano a noi donne (anche quando ci sono, devo ammettere, gli uomini nicchiano in quel frangente).

Stare alla sbarra non è per niente facile e noi insegnanti non dovremmo dare mai per scontata questa relazione, in termini di distanza, allineamento, forze che si possono somministrare o no, direzione del gomito, in modo che questa diventi un’alleata dello studio e non fonte di scomodità.

Ecco qualche esempio tra quelli che ho incontrato sul mio cammino:
Lo strangolatore:

le sue mani come inarrestabili tenaglie, il pollice opponibile arma letale attorno alla sbarra, che spinge contro le altre dita fino a che queste non diventano viola, mentre le vene si sollevano sull’avambraccio per la tensione. Alla fine dell’esercizio fa fatica persino a staccarla, quella mano, per quanto ha stretto durante tutto l’esercizio. Spesso l’unica soluzione è utilizzare un piede di porco per allentare la forza fino a liberare il poveretto oppure, in casi di emergenza, si può chiamare un fabbro.

L’insicuro:

nel tentativo di trovare un luogo in cui sentirsi protetto, l’insicuro si avvicina così tanto alla sbarra, che alla fine non ha più lo spazio vitale per muoversi. L’insicuro si impegna, cerca di partire da una buona posizione, ma giunto neanche a metà esercizio si ritrova sempre lì attaccato. Se la vorrebbe abbracciare, quella sbarra, dormirci sopra come Eta Beta forse. In fondo comprendo l’affetto, amore, un timore reverenziale e – in certe fasi dell’esistenza – anche odio e desiderio di emancipazione che proviamo per questo feticcio. Esattamente come nella relazione verso un genitore.

Il centauro:

Il centauro si esprime al meglio durante gli esercizi eseguiti di fronte alla sbarra, dove la sua tecnica si mostra in tutto il suo splendore: mani molto distanti tra di loro, gomiti alzati, polsi ruotati in avanti  e spalle leggermente ricurve. Se lo guardi dalla vita in su, lo puoi già immaginare con il vento nei capelli e la bandana attorno al collo, mentre percorre una Highway in mezzo al deserto del Nevada in pieno stile ammeregano. Anche con una sola mano alla sbarra, tuttavia, il gomito tradisce la sua identità.

Il killer:

il killer letteralmente si appende alla sbarra, di solito non ha un allenamento corretto e quindi delega molto del suo peso al girello. Quando la sbarra a disposizione non è stabile, il killer ad un certo punto  imprime così tanta forza al suo braccio che la sbarra viene tirata e spostata, e con essa anche tutte le persone che ci sono appoggiate. Il killer è quello che vuole stare davanti ma poi negli equilibri comincia a ondeggiare, creando un effetto domino su tutti quelli che sono dietro di lui, traditi dai neuroni specchio. Quando c’è un killer in classe, prendete un antiemetico.

Il Pisa:

Il Pisa pende sempre verso la sbarra, non riesce a stare allineato sul proprio asse ed è impossibile raddrizzarlo. Puoi passare mille volte a correggerlo, chiedergli se sente la differenza, osservare la sua risposta affermativa con la testa che ciondola. Ora che hai finito il giro e sei di nuovo da lui te lo ritrovi così: pendente come la torre. L’unico modo per concedere utilità a questo atteggiamento è farsi un selfie mentre in primo piano fai finta di sostenerlo con un gesto delle mani.

E tu?

Che relazione hai con la sbarra?

Oggi è il 22 Giugno 2021

IN EVIDENZA

DELLALO'

AIDA CONSIGLIA

Archivio