News

Lettera aperta di Sebastiano Lo Casto al Presidente Giuseppe Conte

Caro Presidente Giuseppe Conte,

sono un cittadino, un lavoratore dello spettacolo, una persona.

Sembra difficile progettare in questo periodo, sembra impossibile fare tutto. Il settore delle Arti inizia a scalpitare e tra poco le dirette e i tutorial non saranno più sufficienti. Devo dirle col massimo rispetto che siamo troppo importanti per essere lasciati ultimi della lista, perché libri, film, spettacoli dal vivo, tv, mostre, musica, teatro, fanno parte della quotidianità o di gran parte del tempo di tutti.

Non di meno, dietro tutto questo c’è un elenco infinito di maestranze (autori, assistenti, macchinisti, sarte…), una fabbrica troppo spesso sottovalutata ma è quella che fa grande il nostro paese, proprio come la pizza e il mare del sud.

Le Arti lo sappiamo, sono il simbolo dell’aggregazione e dello scambio e comprendo come sia complesso parlarne proprio in un momento segnato dalla distanza e dalla negazione fisica ma voglio sperare che si riservi di pensarci un pò di più.

Vorrei che la stessa fermezza nel far rispettare le regole a protezione della salute del cittadino sia la stessa per farci ricominciare a vivere, anche a noi di quell’Arte all’ultimo posto, perché è così che ci paghiamo il cibo in tavola, le bollette e le tasse. Per noi dell’Arte, vivere significa comporre, ballare, recitare, cantare, stipendiati come un fornaio, un segretario o un infermiere, siamo tutti cittadini italiani.

“Articolo 1: L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.

Presidente,

faccia le sue valutazioni come è giusto che sia ma non dimentichi che un operatore come quello che le fa fare la diretta in tv è importante tanto quanto me che sono un ballerino, che faccio della passione un lavoro.

Non ci lasci impotenti in coda alla lista, abbiamo bisogno delle sue facoltà, noi siamo manovali della comunicazione, importanti ma sempre manovali.

L’Arte non può essere sospesa.

Distinti saluti,

Sebastiano Lo Casto

Oggi è il 23 Settembre 2021

IN EVIDENZA

DELLALO'

AIDA CONSIGLIA

Archivio