Finchè c'è tango c'è vita Rubriche

Diversamente tango

“Hai ballato con quello!”

È una frase ambigua che dà adito a tante interpretazioni.

Lasciamo da parte quelle legate a insinuazioni miste di gelosia, e consideriamo la più interessante e significativa che “apre la porta” a un connotato molto importante del tango.

Avete presente quando il tuo uomo, compagno, amico, amica o chi per esso, ti chiede con aria stupita mista a incredulità e con un pizzico di rimprovero se hai ballato con un uomo che oggettivamente ha dei limiti fisici molto evidenti?

Può essere un ballerino in evidente sovrappeso, di dubbio fascino e incerta tecnica, un uomo con limitazioni motorie o anche cognitive…insomma l’opposto del tanguero bravo e bello descritto nei nostri articoli e simbolo del nostro immaginario collettivo.

Il bello e il senso del tango è proprio anche questo!

La milonga è un luogo aperto a ogni tipo di persona e restando fermo e inossidabile il concetto di educazione e rispetto, la milonga dà a tutti la possibilità e il diritto di trascorrere una serata in compagnia, chiacchierando e provando a ballare con persone che dovrebbero essere pronte prima di tutto all’accoglienza dell’”altro”.

Non dimentichiamoci infatti mai delle origini del tango: non sono certo i lustrini, lo spacco, la bellezza e la bravura che lo hanno fatto nascere. Bensì la polvere delle strade, la stanchezza del dopo lavoro, la diversità delle tante persone che si sono ritrovate a condividere uno stesso spazio, uno stesso luogo con il desiderio di incontrarsi e stare bene insieme.

In milonga non siamo tutti alti, belli, bravi, eleganti e profumati! In milonga ci sono anche persone con diversità di età, di fisicità, di inclinazione al ballo, non parlo di diversità di sesso, razza e religione che sono accettate e rispettate da tutti.

Parlo di alcune persone con cui molti non vogliono ballare perché non corrispondono ai canoni della supposta perfezione, persone diverse dal “sogno” del tango.

E allora si evita il loro sguardo, la loro mirada, il loro venirti incontro con garbo per chiederti un ballo.

Ecco, anche questo è il tango: l’incontro e l’accoglienza con chi è diverso da te e che ti chiede un momento di condivisione in un abbraccio rispettoso sulle note di quella musica che è il collante di tutti noi, sulle note di quelle parole che appartengono a tutte le nostre anime umane nude nella loro umanità, ai nostri universali sentimenti ed emozioni.

Siamo tutti uguali nelle note di un tango e quindi sì, si “balla con quello” che tutto rappresenta fuorché ciò che ti aspetti dal tango, e che invece incarna esattamente l’idea più profonda del tango: l’accoglienza!

È dunque belle tanguere, ogni tanto siate accoglienti anche con chi non sarà certo il vostro palcoscenico di esibizione, ma con chi forse vi renderà il cuore più buono!

E come sempre Buon Tango a tutti, a chi lo balla, a chi inizierà a ballarlo, a chi solo lo ascolterà oppure lo guarderà, a chi lo ama e a chi lo rifiuterà e male ne parlerà… A chi vive insomma perché Finché c’è tango c’è vita!

Un abbraccio

Oggi è il 18 novembre 2017

Eventi

novembre, 2017

lun

mar

mer

gio

ven

sab

dom

-

-

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

Nessun evento in programma per questa data

Archivio

Ad

Newsletter

X